Pagine

lunedì 20 ottobre 2014

EMILY DICKINSON - Un sorso di vita


Emily Dickinson

Un sorso di vita






Presi un Sorso di Vita
Vi dirò quanto l'ho pagato
Esattamente un'esistenza
Il prezzo di mercato, dicevano.

Mi pesarono, Granello per Granello
Bilanciarono Fibra con Fibra,
Poi mi porsero il valore del mio Essere
Un singolo Grammo di Cielo!

Invidio i mari che lui attraversa

Invidio i mari che lui attraversa -
invidio i raggi delle ruote
della carrozza che lo porta in giro -
invidio le curve colline
che osservano il suo viaggio.
Tutti possono vedere facilmente
quel che invece - ah, cielo -
a me è vietato assolutamente.

Invidio i nidi dei passeri
che punteggiano le sue lontane grondaie -
la mosca soddisfatta sul suo vetro -
e le foglie felici - felici -

che fuori dalla sua finestra
scherzano approvate dall'estate -
gli orecchini di Pizarro
non potrebbero acquistare ciò per me.

Invidio la luce che lo sveglia -
e le campane che gli annunciano con forti
rintocchi il mezzogiorno. Fossi io
per lui il mezzogiorno.

Ma mi vieto di fiorire -
e annullo la mia ape -
per paura che il mezzogiorno
sprofondi me e Gabriele nella notte infinita.




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).


EMILY DICKINSON - Un cuore prima chiede gioia



Emily Dickinson

Un cuore prima chiede gioia





Il cuore prima chiede gioia,
Poi assenza di dolore,
Poi gli scialbi anodini 
Che attenuano il soffrire, 
Poi chiede il sonno, e infine 
Se a tanto consentisse 
Il suo tremendo Giudice, 
Libertà di morire.




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).


EMILY DICKINSON - Un ruscello nel cuore



Emily Dickinson

Un ruscello nel cuore






Hai un Ruscello nel tuo piccolo cuore, 
Dove timidi fiori sbocciano, 
E ritrosi uccelli scendono a bere, 
E ombre palpitano - 
E nessuno sa, così quieto fluisce, 
Che un ruscello è là, 
Eppure il tuo piccolo sorso di vita 
Ogni giorno è bevuto là - 
E allora - sorveglia il tuo piccolo ruscello a marzo, 
Quando i fiumi traboccano, 
E le nevi arrivano di corsa dalle colline, 
E i ponti spesso spariscono - 
E più tardi, ad agosto magari - 
Quando i prati giacciono inariditi, 
Bada, affinché questo piccolo ruscello di vita, 
In qualche ardente meriggio non si prosciughi!




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).


EMILY DICKINSON - Se tu dovessi venire in autunno


Emily Dickinson

Se tu dovessi venire in autunno







Se tu dovessi venire in autunno
mi leverei di torno l'estate
con un gesto stizzito ed un sorrisetto,
come fa la massaia con la mosca.

Se entro un anno potessi rivederti,
avvolgerei in gomitoli i mesi,
per poi metterli in cassetti separati -
per paura che i numeri si mescolino.

Se mancassero ancora alcuni secoli,
li conterei ad uno ad uno sulla mano -
sottraendo, finchè non mi cadessero
le dita nella terra della Tasmania.

Se fossi certa che, finita questa vita,
io e te vivremo ancora -
come una buccia la butterei lontano -
e accetterei l'eternità all'istante.

Ma ora, incerta della dimensione
di questa che sta in mezzo,
la soffro come l'ape-spiritello
che non preannuncia quando pungerà.



Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).



EMILY DICKINSON - Solitudine



Emily Dickinson

Solitudine





Ha una sua solitudine lo spazio,

solitudine il mare

e solitudine la morte - eppure

tutte queste son folla

in confronto a quel punto più profondo,

segretezza polare,

che è un’anima al cospetto di se stessa:

infinità finita.




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).



EMILY DICKINSON - Uomo



Emily Dickinson

Uomo





Temo un uomo di poche parole
temo un uomo che tace
l'arringatore posso superarlo
il chiacchierone 
posso intrattenerlo 
ma colui che pondera
mentre gli altri spendono tutto ciò che hanno 
di quest'uomo diffido
temo ch'egli sia un grande.

Una sorella ho nella nostra casa

Una sorella ho nella nostra casa,
ed una siepe più in là.
Una sola è registrata,
ma entrambe mi appartengono.

Una venne per la via che feci io 
e portò la mia gonna smessa 
l'altra, come un uccello il nido,
costruì fra i nostri cuori.

Non cantava come noi 
era un motivo differente 
essa stessa a sé una musica
come un calabrone di giugno.

Oggi è lontano dall'infanzia 
ma su e giù per le colline
tenni la sua mano più stretta 
così abbreviando le miglia 

e ancora il suo canto
da un anno all'altro
inganna la farfalla;
ancora nel suo occhio
stanno le viole
appassite in tanti maggi.

Rovesciai la rugiada 
ma colsi la mattina 
scelsi quest'unica stella
fra le schiere della notte immensa 
Sue - per l'eternità!




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).


EMILY DICKINSON - I poeti


Emily Dickinson

i poeti






I poeti non accendono che lampade

si spengono per loro

i lucignoli che hanno attizzato.

Se la luce vitale

è simile a quella del sole,

ad ogni età una lente

che dissemini

la sua circonferenza.




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).


EMILY DICKINSON - Angelo


Emily Dickinson


Angelo





Non posso essere sola,
mi viene a visitare
una schiera di ospiti,
non sono registrati, 
non usano la chiave, 
non han né vesti, né nomi,
né climi, né almanacchi, 
ma dimore comuni, 
proprio come gli gnomi,
messaggeri interiori
ne annunciano l'arrivo,
invece la partenza 
non è annunciata, infatti 
non sono mai partiti.




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).


EMILY DICKINSON - O frenetiche notti




Emily Dickinson

O frenetiche notti






O frenetiche notti! 
Se fossi accanto a te, 
Queste notti frenetiche sarebbero 
La nostra estasi! 

Futili i venti 
A un cuore in porto: 
Ha riposto la bussola, 
Ha riposto la carta. 

Vogare nell'Eden! 
Ah, il mare! 
Se potessi ancorarmi 
Stanotte in te!



Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).



EMILY DICKINSON - Se io potrò impedire





Emily Dickinson

Se io potrò impedire









Se io potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena
o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano.




Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) poetessa statunitense è  considerata tra i maggiori lirici del XIX secolo.Nata da da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Emily era conosciuta per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Suo nonno, Samuel Fowler Dickinson, era uno dei fondatori dell'Amherst College.Il linguaggio di Emily Dickinson è semplice e brillante.Il suo amore per la natura traspare da tutte le sue poesie. I suoi contemporanei  privilegevano un liguaggio maggiormente ricercato ecco perchè le sue opere hanno conosciuto il successo solo in epoca recente: nel 1955 Thomas H. Johnson cura la prima edizione critica in tre volumi di tutte le poesie di Emily Dickinson. Dal 1998 è disponibile una nuova edizione critica, a cura di Ralph W. Franklin, sempre in tre volumi, con una revisione della cronologia e una nuova numerazione delle poesie (1789 poesie più otto in appendice).


domenica 12 ottobre 2014

APPELLO DEL CIATDM AL VICE PRESIDENTE DELLA CAMERA ON. DI MAIO LUIGI





APPELLO DEL CIATDM AL VICE PRESIDENTE DELLA CAMERA ON. DI MAIO LUIGI






Gentile Vice Presidente,

come mi e' stato suggerito stamane dalla Sua segreteria Le scrivo questa email per poter parlare con Lei telefonicamente.
Mi chiamo Aurelia Passaseo e, sono presidente del Ciatdm (Coordinamento Internazionale Associazioni per la Tutele dei Diritti dei Minori) organismo di volontariato che si occupa di problemi dei minori e della famiglia con Sede in Friuli a Pordenone.
Le scrivo per chiedere gentilmente di poter parlare telefonicamente con Lei, in quanto per ora sono impossibilitata a un'incontro di persona, poichè ho subito tempo fà un'intervento a cuore aperto a causa di un infarto, e per il momento non sono in grado di affrontare un viaggio a Roma.
Da oltre 23 anni mi occupo delle problematiche dei minori e loro famiglie e sono stata la promotrice dell' introduzione nel codice penale della fattispecie del reato di apologia della pedofilia introdotto in abbinamento alla legge di Ratifica della Convenzione di Lanzarote nella scorsa legislatura. 
Attualmento mi stò occupando del caso della nostra Cittadina Italiana Houda Emma Kharat di anni 4 rapita il 18 dicembre del 2011 dal padre alla madre e portata in Siria proprio quando già vigeva una guerra civile cruenta , caso che comunque anche il Movimento a cui Lei appartiene si è e si stà occupando con un'interrogazione parlamentare a risposta scritta del Onorevole Manlio Di Stefano che in occasione del terzo anno del rapimento nel 2013 ha ricevuto ed incontrato alla Camera la mamma della piccola Houda Emma Kharat , signora Alice Rossini. 
Ieri sono rimasta molto scossa nel sentire la notizia di quell'adolescente di 14 anni di Napoli, vittima di una violenza inaudita per mano di altri tre ragazzi. ( Definirla così è solo una carezza , perchè non saprei come definirla in quanto non ci sono parole per descrivere un atto così brutale ).
Per questo motivo e per tutti gli episodi di violenza che stanno dilagando, ritengo sia giunto il momento che la Politica si occupi seriamente dei problemi dei minori che ogni giorno, sempre più sono vittime attive indotte a compiere reati in quanto non imputabili e, vittime passive di reato (cioè costrette a subire qualsiasi forma di reato  gravissimi sulla loro persona ) aditi da adulti criminali come quelli di ieri . 
Sò che Lei non solo è stato eletto proprio a Napoli ma, che è sensibile sia come persona , (sia come esponente dell' Istituzione della Camera e del Movimento a cui appartiene) , a queste ingiustizie ed alle problematiche dei Cittadini Italiani ed è per questo motivo che mi rivolgo a Lei. Vorrei proporLe interventi concreti non solo per prevenire ma, soprattutto per arginare questo dilagante fenomeno che ogni giorno miete sempre più vittime .
A tale proposito, allego alla presente richiesta i miei numeri di telefono affinchè Lei possa gentilmente contattarmi, e, copia del comunicato stampa che ieri il Ciatdm ha diramato ed inviato alle agenzie di stampa.
RingraziandoLa anticipatamente per la Sua gentile disponibilità ad esaudire la mia richiesta, in attesa di un Suo gentile riscontro a questa mia lunga email, cordialmente
Le porgo distinti saluti.

Aurelia Passaseo
Presidente Ciatdm


La piccola Emma fra le braccia della sua mamma Alice!

CIATDM : DURO COMMENTO SU SEVIZIE ALL'ADOLESCENTE DI NAPOLI



Un adolescente è finito in rianimazione per essere stato seviziato con un "tubo ad aria compressa"!!!




Molti parlano di bullismo o di "gioco" finito male, ma io sono fermamente convinta che questo ennesimo fatto abbia alla base solo la MALVAGITA' e la DELINQUENZA PURA!


I fatti: 

un giovane napoletano, con qualche chilo in più, è stato preso in giro per la sua mole fisica e questo "scherzo" come lo definiscono i DELINQUENTI che lo hanno aggredito è finito in tragedia! 
Anche le famiglie di questi MALVAGI DELINQUENTI sostengono che poverini non volevano fargli male che era solo uno scherzo!

Cose da pazzi!

Lo studente quattordicenne di Pianura, un quartiere periferico di Napoli, è stato ricoverato in rianimazione con gravissime lesioni al colon e sembra...essere fuori pericolo.

I responsabili di questo ATTO CRIMINALE sono stati denunciati, uno dei tre fermato per tentativo di omicidio gli altri due denunciati!

Sembra che i tre aggressori abbiano anche avuto il CORAGGIO di filmare con il cellulare la scena!

La madre di uno dei ragazzi dichiara "soavemente" che non voleva fargli male e che non si era reso conto della gravità del gesto!...mi chiedo con quale coraggio un ventenne agisca con questa violenza barbara senza rendersi conto che sta facendo un atto CRIMINALE!


Questo NON è BULLISMO...questo è VIOLENZA PURA, è un ATTO CRIMINALE che deve essere perseguito dalla giustizia con il massimo della pena!

E' ora di finirla con gli atti di VIOLENZA CRIMINALE, se questi giovanotti non hanno altro da fare che VIOLENTARE gli altri, metteteli in galera e gettate la chiave!...forse riusciranno a trovare una degna attività nelle patrie galere!!!



CIATDM : DURO COMMENTO SU SEVIZIE ALL'ADOLESCENTE DI NAPOLI
                                                                                                                                                              
                                                                
                                                                     
COMUNICATO STAMPA



ORA PER CHI HA SEVIZIATO L’ADOLESCENTE QUATTORDICENNE SINO A RIDURLO IN FIN DI VITA ,INDIPENDENTEMENTE SE  ABBIA AGITO DA SOLO OD IN BRANCO  CARCERE SICURO E CERTO SENZA,SCONTI DI PENA, BENEFICI DI LEGGE E PATTEGGIAMENTI. INOLTRE CAMBIO DEL CAPO D'IMPUTAZIONE DA TENTATO  OMICIDIO COLPOSO A  TENTATO OMICIDIO VOLONTARIO E,QUALORA, NON FOSSE POSSIBILE ALMENO OLTRE AL DOLO DARE ANCHE L'AGGRAVANTE DELLAVOLONTARIETA'. AZIONI DI QUESTO TIPO NEI CONFRONTI DEI BAMBINI/E O SOGGETTI ADULTI LA SOCIETA' NON SOLO NON LE DEVE, ACCETTARE, GIUSTIFICARE MA, SOPRATUTTO SI DEVE INDIGNARE ED INTERROGARSI SUL DOVE LA SOCIETA' CIVILE, LA POLITICA VOGLIONO ANDARE. SIAMO DI FRONTE A SITUAZIONI, COMPORTAMENTI ED AZIONI CRIMINALI DELLA PEGGIOR SPECIE E SONO FERMAMENTE CONVINTA CHE NEMMENO NEI PAESI “ QUELLI DA NOI SOCIETA' E PAESE CIVILE CONSIDERIAMO  SOCIETA’ E PAESI DELL’ALTRO MONDO “ SI ARRIVI A CRIMINI COSI’ GRAVI E VIOLENTI “.

DURO IL COMMENTO DEL CIATDM (COORDINAMENTO INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONI PER LA TUTELA DEI DIRITTI DEI MINORI) FATTO DALLA SUA PRESIDENTE AURELIA PASSASEO E, DAL VICE PRESIDENTE ROBERTO STENDARDO.

“LA SOCIETA’, LA POLITICA TUTTI NOI NON POSSIAMO ACCETTARE PASSIVAMENTE QUANTO E’ ACCADUTO E PER TALE MOTIVO CHIEDIAMO ALLA POLITICA, AI MAGISTRATI   DI NON RESTARE INDIFFERENTE AD AZIONI DI UNA CRIMINALITA’ IN DANNO DELLE VITTIME COSI’ INAUDITA’ E GRATUITA”. LA GIUSTIZIA FACCIA IL SUO CORSO CON CELERITA’ MA SIA SEVERA CON GLI AUTORI DI QUESTO REATO SENZA CONCEDERE SCONTI DI PENA, PATTEGGIAMENTI E BENEFICI DI LEGGE. ORA E’ TEMPO DELLA CERTEZZA DELLA PENA SE NON DELL’ERGASTOLO  A VITA PER QUESTI ANIMALI “. LA POLITICA SI DECIDA UNA VOLTA PER TUTTE A PENSARE AI BAMBINI QUALI SOGGETTI PERSONE ATTIVE E PASSIVE DI REATO E RIFORMI TRA LE TANTE RIFORME IL CODICE MINORILE NELLA DIREZIONE DI UN CODICE MINORILE GLOBALE IN CUI E' CONTEMPLATO IL BAMBINO VITTIMA ATTIVA E PASSIVA DI REATO CHE, DA PIU' PARTI IN CORO DA ANNI VIENE RICHIESTO” .

IL PRESIDENTE E VICE PRESIDENTE
AURELIA PASSASEO ROBERTO STENDARDO


mercoledì 1 ottobre 2014

CHARLES BAUDELAIRE - l'Albatros



Charles Baudelaire

l' Albatros







Sovente, per diletto, i marinai catturano degli albatri, grandi
uccelli marini che seguono, indolenti compagni di viaggio, il
bastimento scivolante sopra gli abissi amari.

Appena li hanno deposti sulle tavole, questi re dell'azzurro, goffi

e vergognosi, miseramente trascinano ai loro fianchi le grandi,
candide ali, quasi fossero remi.

Come è intrigato e incapace, questo viaggiatore alato! Lui, poco
addietro così bello, com'è brutto e ridicolo! Qualcuno irrita il
suo becco con una pipa mentre un altro, zoppicando, mima
l'infermo che prima volava!

E il poeta, che è avvezzo alle tempeste e ride dell'arciere, assomiglia
in tutto al principe delle nubi: esiliato in terra, fra gli
scherni, non può per le sue ali di gigante avanzare di un passo.




Charles Baudelaire (Parigi 1821 - 1867 Parigi) scrittore e poeta francese è stato anche traduttore,critico letterario, giornalista, saggista, aforista.E' uno dei maggiori rappresentanti dello stile di vita bohemien.Fra le sue opere quella più conosciuta è rappresentata da Le fleurs du mal (i fiori del male) che è considerata uno dei classici della letteratura francese e mondiale. Il suo pensiero ha influenzato molti autori successivi a lui (Rimbaud, Proust) appartenenti a correnti e periodi storici differenti.