lunedì 31 ottobre 2011

Halloween fra storia e mito





Halloween è una festività che si celebra nella notte del 31 ottobre







Principalmente include attività come dolcetto o scherzetto, partecipare a parate o sfilate in costume tipico, intagliare una tipica zucca di Halloween, o jack-o'-lantern, allestire falò, visitare attrazioni collegate a fantasmi e spiriti, fare scherzi, raccontare storie dell'orrore e vedere film horror.


La festa di Halloween è collegata alla festa celtica di Samhain, deriva dall'antico irlandese e significa più o meno "fine dell'estate"



 Le origini di Halloween

Le origini di Halloween risalgono all'epoca in cui Inghilterra, Scozia, Irlanda e Francia erano dominate dalla cultura celtica, molto prima quindi, del dominio romano.

Per i Celti l'anno nuovo cominciava il 1° novembre, quando terminava ufficialmente la stagione calda e inziava quella delle tenebre e del freddo.

Alla fine di ottobre i lavori nei campi era concluso, il raccolto al sicuro ed i contadini entravano in un periodo di rilassamento, chiusi nelle proprie case a ripararsi dal freddo e a costruire utensili di uso comune.

La vigilia del 1° novembre, la festa più importante dell'anno era dedicata a Samhain.

Samhain era una divinità, considerato il Signore della Morte e il Principe delle Tenerbre.

I Celti credevano che alla vigilia di ogni anno nuovo Samhain chiamasse a sè gli spiriti dei morti che vivevano in una landa di eterna giovinezza e felicità chiamata Tir nan Oge.

La notte del 31 ottobre i Celti si riunivano nei boschi e sulle colline per la cerimonia dell'accensione del Fuoco Sacro e facevano sacrifici animali. Vestiti con maschere grottesche ritornavano poi nel villaggio facendosi luce con le lanterne costruite da cipolle intagliate in cui erano poste, al loro interno, le braci del Fuoco Sacro.

Dopo questi riti, si dava via ai festeggiamenti, per 3 giorni, in cui i Celti si mascheravano con pelli di animali per spaventare gli spiriti.

I romani e la cristianità, quando colonizzarono i luoghi, cercarono di sradicare i culti pagani ma non sempre vi riuscirono. Nel tentativo di far perdere il significato ai riti legati alla festa di Samhain, nell'835 Paga Gregorio Magno spostò la festa di Ognissanti, dedicata a tutti i santi del Paradiso dal 13 maggio al 1° novembre.


Il culto di Samhain non fu sradicata e così la Chiesa aggiunse qualche secolo più tardi una nuova festa, quella del 2 novembre, Giorno dei Morti, dedicato alla memoria delle anime degli scomparsi.


L'usanza dei bambini di bussare alle porte con il grido "Trick or treat" , dolcetto o scherzetto, deriva dall'usanza dei Celti di lasciare cibo e latte fuori dalla porta, nella speranza di ingraziarsi gli spiriti.

Quando gli Iralndesi arrivarono in America scoprirono che le zucche erano molto più adatte delle cipolle e rape per la costruzione delle tradizionali lanterne di Halloween. Ecco perchè da circa 100 anni la tradizionale Jack o'lantern, simbolo incontrastato di questa festa, è la zucca.

venerdì 28 ottobre 2011

Voglio ricordare due innocenti di Nicole Dark



CONTRO LA PENA DI MORTE

Voglio ricordare due innocenti: Sacco e Vanzetti



Il 23 agosto 1927, alle ore 0,19 veniva giustiziato sulla sedia elettrica Nicola Sacco. Alle 0,26 toccava a Bartolomeo Vanzetti subire lo stesso destino. Ma la storia di Sacco e Vanzetti, i due emigrati italiani accusati negli Stati Uniti di aver preso parte ad una rapina uccidendo un cassiere e una guardia nonostante le prove evidenti della loro innocenza, si chiudeva con la loro esecuzione.

MARTIRI RIABILITATI - Una storia di ordinaria ingiustizia, che divenne qualcosa di più grande e simbolico. Come lo stesso Bartolomeo Vanzetti comprese, quando rivolgendosi alla giuria che lo condannò alla pena di morte, disse: «Mai vivendo l'intera esistenza avremmo potuto sperare di fare così tanto per la tolleranza, la giustizia, la mutua comprensione fra gli uomini». Il destino dei due anarchici italiani, capri espiatori di un'ondata repressiva lanciata dal presidente Woodrow Wilson contro la «sovversione», non solo smosse le coscienze degli uomini dell'epoca, ma come un fantasma continuò ad agitare l'America per decenni. Finché nel 1977, cinquant'anni dopo la loromorte, il governatore del Massachusetts Michael Dukakis riconobbe in un documento ufficiale gli errori commessi nel processo e riabilitò completamente la memoria di Sacco e Vanzetti.

Credo fermamente che la pena di morte praticata ancora in molti Paesi sia un atto incivile e barbaro.

Nonostante tutto si continua a compierlo.

La Cina è in testa in assoluto per le sue vittime.


Quando l’uomo riuscirà a capire che uccidendo un altro uomo fa l’errore più indegno che lo rende ignobile contro i diritti umani, potrà essere considerato una persona civile. Altrimenti si può benissimo paragonarlo a una bestia assetata di sangue.

Sacco e Vanzetti, due martiri: il loro errore giudiziario, non ha insegnato nulla ai loro boia!

E finché l’uomo continuerà a fare Dio, non ci sarà mai una giustizia vera.


Nicole Dark



Nicole Dark da sempre è impegnata quotidianamente nella divulgazione di tutti quei problemi che "deturpano l'anima" e la ringrazio per l'impegno e la serietà con cui li affronta.


E' l'autrice di "Demone" un libro che oltre ad avere una trama intrigante è scritto con passione "vera" - se vuoi leggero ed acquistarlo [CLICCA QUI]





lunedì 24 ottobre 2011

Il Sole nel segno dello Scorpione





Il giorno 23 ottobre, verso le 17.10 il Sole è entrato nello Scorpione, segno dell'emotività


Gli appartenenti ai segni d'Acqua hanno una sensibilità molto pronunciata, sanno esprimere la propria affettività in modo molto forte, amore e odio, compassione e distacco.

La qualità Fissa dona loro una notevole stabilità e indipendenza, resistenti ai tentativi esterne di influenzare la vita.

Marte e Plutone governano il segno, il primo dona ai nativi energia, inziativa e dinamismo il secondo una notevole intuizione e passionalità.


Per i nati in questo giorno:


Le tue emozioni saranno molto intense ma il senso ed il bisogno di libertà ed indipendenza saranno ancor più forti. Difficilmente accetti i legami anche se sono molto gratificati, i vincoli ti stanno assai stretti.
Per queste tue caratteristiche sarai attratto verso un lavoro che possa esprimere il tuo senso di libertà ecco perchè ti si addice la libera professione.
In amore, solo in avanti con gli anni, potrai accettare un legame fisso.



Leggi l'Oroscopo della settimana in corso [CLICCA QUI]

Richiedi le previsioni personalizzate [CLICCA QUI]

Richiedi la compatibilità di coppia [CLICCA QUI]

venerdì 14 ottobre 2011

Gianna, una Donna Libera - di Nicole Dark




Sfido chiunque a raggiungere il successo col solo talento e con l’unico aiuto di se stessi! Gianna Nannini ci è riuscita! E anche a mantenerlo.
Gianna è un’artista come pochi e chi la disprezza per le sue scelte non lo fa altro perché invidia il suo coraggio.
È diventata una grande star, anche se fin dall’inizio della sua carriera ha rivelato la sua omosessualità che, considerando l’infinita ipocrisia della gente, l’avrebbe potuta bruciare da subito.
La sua spiccata personalità e il suo singolare fascino l’hanno resa una grande donna che ha saputo dimostrare di essere in tutti i momenti della sua vita. Al mondo d’oggi essere se stessi non è facile, poiché l’immensa ipocrisia e il falso perbenismo che lo sovrasta, avvolgono come una cappa oscura e tenebrosa ogni comportamento che alla luce del sole diventerebbe scintillante e splendente.
Gianna non si è mai curata del giudizio altrui e ha fatto la sua corsa scegliendo la strada meno battuta e più dura.
Il suo grande talento l’ha aiutata, e l’infima mediocrità di molta gente, lei l’ha ignorata completamente.
Mediocrità basata soprattutto sull’invidia e su una sterile classificazione che non può aprire alcun canale della mente di chi continua a muoversi sui binari stabiliti dalle convenzioni più banali.
Essere se stessa è stata quindi l’unica arma di Gianna che, pur non sapendo di possederla, è riuscita a stupire, a sorprendere e farsi amare da un vastissimo pubblico non solo italiano.
Vediamo ogni giorno la passerella di attori, cantanti, e … oche giulive che invece di invecchiare ringiovaniscono e mai e poi mai rinuncerebbero al loro chirurgo estetico perché sanno che diventerebbero una nullità e sarebbero scaraventati nel dimenticatoio all’istante. Uomini compresi.
Questo non è altro che un inerpicarsi in dure scalate per non precipitare, perdendo la tanto ambita celebrità, in un mondo in cui l’immagine ha il sopravvento.
Le rughe di Gianna però sono rimaste tutte al loro posto perché lei non ha mai avuto bisogno di nessuna strategia per innalzarsi sulla via del successo.
E nonostante che molti curiosi avrebbero voluto sapere i fatti suoi, non hanno ottenuto una grande soddisfazione poiché la sua riservatezza non lo ha permesso, e tutto il resto sono solo chiacchiere e pregiudizi. Molti pagano cifre astronomiche pur di apparire sui giornali da gossip nonostante facciano finta di essere esasperati dai paparazzi! Basta però non evidenziare qualche difettuccio che molte “dee” s’impegnano a coprire continuando a mistificare la vera realtà.
Gianna nella sua coerenza, non ha messo nessuna maschera e il suo aspetto meno curato e ciò che indossa la rendono libera e più vicina al suo pubblico. E intelligentemente non ha mai esibito quell’aria da superdiva che per molte persone è essenziale. Se ha avuto finalmente una bambina, l’appellativo di “nonna” glielo avranno dato i soliti sapientoni che spesso hanno matrimoni falliti alle spalle e che di famiglia non sanno un accidente.
Le splendide canzoni di Gianna Nannini e la sua voce bellissima non sono altro che una diffusione d’impulsi d’amore che lei ha sempre avuto dentro di sé, e che ha saputo esternare meravigliosamente con tutta se stessa.
E la sua musica … mi fa bene al cuore.




Nicole Dark 





Nicole Dark è l'autrice di "Demone" un libro che oltre ad avere una trama intrigante è scritto con passione "vera" - se vuoi leggerlo [CLICCA QUI]

martedì 4 ottobre 2011

VENDOLA E LA PEDOFILIA di Nicole Dark


Tra i “moralisti” contro il premier c’è anche Nichi Vendola che, in quanto omosessuale, si è detto offeso per la dichiarazione del premier sui gay.

 Proprio lui? Roba da matti!

 Vendola in una memorabile intervista a Repubblica, e non solo, senza vergognarsi e senza preoccuparsi di dare scandalo, disse che bisognava concedere ‘ai bambini il diritto ad avere una loro sessualità, e ad avere rapporti con adulti’. 

In sostanza il governatore illuminato della Puglia, mentre si straccia le vesti per una battuta scema del Cavaliere, suppone sia cosa giusta e buona fare propaganda alla pedofilia. Questi sono i moralisti con cui abbiamo a che fare nella nostra Italia. E dovremmo prenderli sul serio?

Io credo di sì.

Quest’uomo tanto illuminato, se vincerà le elezioni, forse diventerà il nuovo premier! E anche se non lo diventerà sarà uno che ci governa!

E che vuoi che sia se uno che “ama” i bambini sia al governo? E’ un modello da seguire senz’altro perché è riuscito a battere il premier e il resto non conta più.

Tanto se un ministro di sinistra difende i pedofili che importanza ha? Non ho sentito nessuno scalpore a riguardo! 

Però ho sentito fino alla nausea Ruby Ruby Ruby e ho osservato gli appostamenti davanti alla casa del premier e poi ho ascoltato con molto interesse tutte le trasmissioni di sinistra ( ci sono solo quelle) in cui si è parlato solo di quel vecchietto del Premier che ha ancora appetiti sessuali, ho sgranato gli occhi insieme a Santoro quando mandava filmini pornografici per scandalizzare anche i muri! Ho ascoltato Melissa P come oratrice implacabile e inequivocabile contro il premier poiché lei sì che si intende di festini! 
Lei la maestosa della pornografia sui minori! In quel calderone tutto fa brodo!
E così mi stavo strappando i capelli anche io!

Ma a che punto siamo arrivati! Non se ne può proprio più! Basta! E insieme a tutti, quel “basta” ho dovuto gridarlo anch’io! E come avrei potuto non farlo dopo aver udito le scandalose cose fatte dal nostro premier? Mi vengono i brividi!

Santoro ne parlava continuamente, e Flolris e ... insomma tutti!
E non c’è Vendola che tenga! Per lui i brividi non vengono a nessuno!

Lui per lo meno parla di bambini e non di prostitute! Lui ama questi piccoli indifesi e cerca di aiutare quelli che li amano come lui! Quelli che violentano i loro piccoli corpi, quelli che li abusano, quelli che si divertono con loro e li fanno spegnere per sempre!

Credo che si chiamino pedofili e anche il nome vuol dire “amanti dei bambini”.


Certo di Vendola non ho visto né filmati né trasmissioni, ma non importa, lui rimane un modello da seguire e non ha niente a che fare col premier che dovrebbe dimettersi e basta!

Meglio: ‘ai bambini il diritto ad avere una loro sessualità, e ad avere rapporti con adulti’.

Sì è questa la miglior cosa da fare! Lo ha detto un uomo di cui non si parla molto! Un uomo che a malapena è andato da Fazio, ma non ha avuto, purtroppo tutto lo spazio del premier! Dico purtroppo perché per la parcondiscion non è stata assolutamente rispettata! E mi tocca gridarlo ai 4 venti! Vendola avrebbe dovuto avere gli stessi spazi di Berlusconi! Insomma, all’improvviso non si rispettano queste leggi? Molto male!

Allora mi voglio rivolgere io a voi, cari pedofili! Tanto bistrattati, non abbiate più paura, ora c’è il vostro salvatore che se poi diventerà premier sarà la vostra fortuna! Ma anche se non lo diventerà, non vi preoccupate troppo, è sempre un politico e una mano ve la sta dando già e mai la ritirerà, in fondo è alla base della costituzione dare una mano a chi ne ha più bisogno e ancora, vorrei dirvi di stare attenti alla concorrenza perché il politico che “ama i bambini” vuole anche che questi abbiano rapporti tra loro e dopo, quando lo hanno imparato a far bene, non so se tenderanno ancora la loro piccola mano verso di voi cari pedofili, con le vostre lusinghe! L’importante comunque, è non mollare! Parola di Vendola!


Nicole Dark





Se vuoi leggere il libro di Nicole Dark   [CLICCA QUI]

Oggi San Francesco!


Patrono d'Italia e della Pace




San Francesco d'Assisi, nato Francesco Giovanni di Pietro Bernardone (Assisi, 26 settembre 1182  – Assisi, 3 ottobre 1226), fondatore dell'ordine mendicante che da lui prende il nome, viene venerato come Santo dalla Chiesa Cattolica.


In questo giorno, 4 ottobre, ne viene celebrata la memoria in tutta la Chiesa Cattolica.

Venne proclamato, assieme a Santa Caterina da Siena, patrono d'Italia, il 18 giugno del 1939 da Papa Pio XII.

E' conosciuto anche come il POVERELLO D'ASSISI e la sua tomba e meta di moltissimi pellegrini da ogni parte del mondo.
La città di Assisi, grazie al suo illustre cittadino, è diventata simbolo di pace, anche per aver ospitato due grandi incontri fra gli esponenti delle maggiori religioni del mondo, promossi da Giovanni Paolo II nel 1986 e nel 2002.

domenica 2 ottobre 2011

Una piaga chiamata "Anoressia" di Nicole Dark








ANORESSIA di Nicole Dark









Isabelle Caro era una modella, ed è morta a 28 anni di anoressia.

Purtroppo questa malattia appartiene ai tempi moderni. La nostra società ci regala valori molto nuovi che in realtà valori non sono.

Attraverso la nostra cattiva maestra, la televisione, i “valori” arrivano puntuali e velocissimi.

La frenesia dei genitori di oggi che mette nel lavoro fa sì che i figli siano tirati su da questa brava baby setter addetta alla rovina di generazioni intere.
I ragazzi accettano solo quello che dice la tv spazzatura. Ciò che possono insegnargli i genitori non lo reputano rilevante, e come se la TV fosse Zarathustra, seguono quegli insegnamenti come il Vangelo. E non sanno che tutto accade solamente perché smisurate società devono guadagnare milioni e milioni.

Le immagini che ci propone la televisione sono assolutamente fuori dalla realtà, ma noi non ci facciamo caso e come bravi scolari ascoltiamo e cerchiamo di mettere in atto tutto ciò che ci inganna inesorabilmente.

L’ambiente della moda ci propone immagini di ragazze scheletriche che sì e no indossano la taglia 38, e molti giovani le guardano affascinati.

Questa continua distorsione della realtà fa sì che si voglia “migliorare” il proprio aspetto ad ogni costo e senza riflettere, i giovani si sottopongono a diete estenuanti che arrivano fino al digiuno totale. E nonostante dimagriscano, la loro mente, ormai disturbata, non riesce a vedere il loro dimagrimento e davanti allo specchio percepiscono un’altra immagine di loro stessi, goffi, grassi, non accettabili, quindi da questa società. E sempre con più rabbia continuano l’estenuante digiuno per diventare come i loro beniamini, ossia mummie scheletriche che di vita hanno ben poco.

Intanto il loro corpo s’indebolisce e non essendo fortificato da nessuna vitamina, perde la proprietà essenziale, quella di assimilare il nutrimento. Pian piano gli organi interni cominciano a funzionare meno e per quando qualcuno se ne accorgere, è già tardi poiché ormai la malattia è già entrata in quell’organismo e da psichica, si è trasforma in fisica.

Anche se il ragazzo o la ragazza volessero mangiare ora, non potranno farlo poiché il loro organismo è spossato per poter accogliere qualsiasi tipo di cibo. Sì e no riescono a bere the e poche cose.
Questa malattia si sta propagando anche nei maschi soprattutto i modelli poiché questo lavoro come ho già detto non ammette il cibo.

Siamo veramente in un’epoca in cui la morte è osannata soprattutto tra i giovani poiché fanno del loro tempo libero l’anticamera per arrivare più velocemente alla fine completa.

Non solo con l’anoressia, ma anche con la bulimia e in particolar modo con l’alcolismo di cui pochi sanno davvero di che si tratti.

 Infatti, bere alcolici è diventato l’unico e solo passatempo per molti giovani di oggi sprovvisti di valori e all’arrembaggio completo seguono alla lettera la pubblicità martellante che li tartassa a tal punto da fargli comprare ciò che è reclamizzato di più, e i liquori occupano i primi posti.

Che ne sarà degli uomini di domani se ora sono già “andati”?

Eh sì lo devo proprio affermare anche se con profonda inquietudine, poiché il futuro di molti ragazzi è compromesso già da giovanissimi.

Senza un’accurata spiegazione e una mano che li indirizzi a calarsi nella vera realtà, questi giovani in fuga dal mondo, si trasformano in piccoli “morituri” senza nemmeno saperlo, e lasciano che i loro modelli da seguire siano i corrotti e bugiardi modelli che hanno visto alla TV! Questa spazzatura compresa di spettacoli demenziali li riduce a una riprovevole rivalità tra loro. E questi show continuando a premiare i “migliori” con i canoni stabiliti da loro, escludono chi non potrebbe riuscire a far guadagnare organizzazioni eccellenti.

La nostra società non ci rende assolutamente liberi quindi, anche se vorrebbe farcelo credere, perché tutti noi, insieme, non siamo altro che la loro gallina dalle uova d’oro.

Nicole Dark




Grazie a questa splendida persona, Nicole Dark, per l'ìmpegno che quotidianamente si assume per divulgare i problemi che "deturpano l'animo"












Demone un libro da leggere per capire che cosa sia e a che cosa conduce l'alcolismo - lo puoi acquistare anche in rete  [CLICCA QUI]

2 Ottobre - FESTA DEI NONNI



                                               

Oggi Festa dei Nonni!





Una data speciale, perchè questa Festa, che è stata istituita nel 2005, riconosce il ruolo fondamentale dei NONNI, figure indispensabili che accompagnano sin da piccoli la nostra crescita.










Roma, 2 ottobre 2011 - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha rivolto alle nonne e ai nonni d’Italia, nella giornata di festa a loro dedicata, un messaggio: “Celebriamo oggi la festa dei nonni, divenuta ormai un appuntamento fortemente sentito e ricco di iniziative per ricordare, nel segno dell’affetto e della riconoscenza, il loro insostituibile ruolo nella vita familiare.
I nonni, con il loro patrimonio di umanita’, saggezza ed esperienza, offrono quotidianamente generoso e prezioso sostegno alla crescita ed allo sviluppo dei piu’ piccoli, che seguono sin dalla nascita nel percorso educativo e formativo ed ai quali trasmettono conoscenze, tradizioni e valori della loro generazione.
Al peso e al ruolo assunti dagli anziani non puo’ non rispondere l’impegno nell’attuale contesto sociale da parte delle istituzioni e della collettivita’ a difendere e salvaguardare quei diritti che rappresentano una conquista fondamentale per la vita e la dignita’ della persona in quella fascia di eta’. Con questo auspicio e con sentimenti di vicinanza e di ideale condivisione dello spirito che anima questa giornata, rivolgo alle nonne e ai nonni d’Italia un caloroso saluto augurale”.




Grazie Nonni, grazie di ESISTERE!