lunedì 8 aprile 2019

CIATDM - “VACCINI A SCUOLA, FRONDA M5S:”NO ALL’EMENDAMENTO, L’OBBLIGO SERVE” commento

COMMENTO ALL' ARTICOLO APPARSO SU REPUBBLICA.IT DD. 01/04/2019 a firma Michele Bocci dal titolo “VACCINI A SCUOLA, FRONDA M5S:”NO ALL’EMENDAMENTO, L’OBBLIGO SERVE”

Il C.I.A.T.D.M. ha depositato, il 7 marzo scorso, delle proposte di emendamenti al DDL 770 in tema di vaccinazioni obbligatorie, chiedendo l'abolizione dell'obbligo, l'adozione della raccomandazione e la tutela della libera manifestazione del pensiero del mondo medico.

Obiettivo del Coordinamento non è certo ostacolare le vaccinazioni, ma tutelare i genitori quali primi depositari del bene dei figli e tutelare i bambini che non devono mai patire emarginazione, men che meno per scelte dei genitori.

Di recente il M5S e la Lega hanno proposto un emendamento che supererebbe l'obbligo di vaccinazione per l'accesso scolastico.
Subito si sono alzate voci scandalizzate dalle fila del Movimento 5 Stelle, in particolare da parte dell'Onorevole Trizzino e della Senatrice Fattori.

Ci si consenta alcune osservazioni.

Gli Onorevoli Trizzino e Fattori, nell'invocare obbedienza alla Scienza “senza se e senza ma” evidentemente dimenticano che è compito della Politica, e non della Scienza, decidere come perseguire un obiettivo, contemperando i diritti costituzionali di volta in volta coinvolti.
Affermare che su un tal argomento debba decidere “la Scienza” è visione ottusa e assai pericolosa perché non tiene conto che la Scienza procede per tentativi e, spesso, per errori.
L'Onorevole Trizzino, inoltre, cita a sproposito, strumentalizzandolo in modo vergognoso, il recente decesso di un neonato per pertosse, malattia per la quale la madre si era vaccinata in gravidanza, osservando proprio le direttive di quella Scienza da lui ritenuta infallibile. Una persona di buon senso, oltre a mantenere il silenzio su un dramma privato, si interrogherebbe semmai sull'evidente fallimento vaccinale prima di insistere acriticamente per il
mantenimento di misure emergenziali e coercitive.

Quanto alla Senatrice Fattori, non stupiscono posizioni tranchant e intransigenti da parte di chi ha avuto persino il coraggio di proporre un emendamento che estromette i genitori dal coinvolgimento attivo nella raccolta di dati sugli eventi avversi. In controtendenza con la moderna medicina, che ha compreso l'importanza fondamentale del bagaglio di informazioni proveniente dai genitori, che meglio di chiunque altro conoscono i loro figli, la Fattori li degrada a sudditi, che devono consegnare il loro bene più grande nelle mani della Scienza e, se la Scienza li danneggia, farsi da parte e tacere. Come C.I.A.T.D.M. non possiamo che constatare come siano proprio queste posizioni violente, disumane, paternalistiche ad aver fatto strame della alleanza terapeutica medico-paziente e della fiducia nelle Istituzioni, che con il DL Lorenzin hanno toccato il loro punto più basso.


Quanto, infine, al dott. Villani, egli definisce uno “straordinario successo” della politica un provvedimento contro il quale, da due anni, migliaia di persone manifestano in tutta Italia, che ha chiuso le porte dell'asilo in faccia a bambini sanissimi, separati da un giorno all'altro dai propri compagni di classe e dalle maestre, che li ha, in alcuni casi, addirittura relegati in stanze separate, dove hanno dovuto mangiare isolati perché considerati “appestati” da qualche zelante dirigente scolastico, i cui dati sanitari sono stati persino affissi, in un caso, al portone della scuola. Un provvedimento che ha determinato la chiusura di moltissime scuole per crollo delle iscrizioni. Non c'è che dire, un vero, autentico successo. Eppure, come medico, egli dovrebbe avere a cuore anche il benessere emotivo dei bambini, non solo quello fisico!
Egli chiede di poterci finalmente concentrare sui reali problemi del Paese ma non ha avuto nulla da ridire nei confronti di un Governo che ha speso ogni risorsa a fare la guerra ai genitori e neanche un dito ha mosso per approfondire la drammatica impennata di tumori infantili, per i quali l'talia è tristemente in vetta alle classifiche europee.
Se le cose non cambieranno, con la riapertura del dialogo e la cancellazione di qualunque bavaglio imposto alla classe medica, le tensioni sociali sono destinate presto ad esplodere, con conseguenze imprevedibili.

C.I.A.T.D.M. Friuli Venezia Giulia


 https://ciatdmcoordinamento.altervista.org/

.CIATDM - Presentazione emendamenti al Disegno di Legge 770 (vaccini)

Conferenza stampa di presentazione degli emendamenti al Disegno Di Legge 770 (Vaccini) in discussione in Commissione Sanità del Senato.


Trieste, 23 marzo 2019 - COMUNICATO STAMPA
All'odierna conferenza stampa hanno presenziato Aurelia Passaseo, Presidente del C.I.A.T.D.M., l'avv. Alessandra Devetag, referente provinciale del Coordinamento e Graziano Ugenti, Presidente dell'Associazione Piano B.

La Presidente Passaseo comunica l'invio alla commisione Sanità degli emendamenti al DDL 770/18, formulati dall'avv Devetag in nome del Coordinamento. Il disegno di legge, attualmente al vaglio del Senato, dovrebbe superare il D.L. Lorenzin sull'obbligo vaccinale ma, in realtà, prevede, in particolar modo in alcuni emendamenti proposti, la possibilità di espandere l'obbligo anche a ulteriori fasce di età, comminando sanzioni quali addirittura l'espulsione dalla scuola dell'obbligo.

L'avv. Devetag illustra gli emendamenti proposti, con particolare attenzione al necessario recupero di un sereno dibattito sul tema vaccinale, ad oggi reso impossibile a causa della posizione assunta dalla FNOMCeO con il "Documento sui Vaccini" licenziato il 08/07/2016, nel quale si stabilisce che commette illecito disciplinare il medico che sconsigli qualunque vaccino. Ciò costituisce, di fatto, un attentato alla libera manifestazione del pensiero da parte degli operatori sanitari, una violazione del codice deontologico medico che impone agli stessi di agire in scienza e coscienza, e , di fatto, l'imposizione di un approccio dogmatico e scientista, questo sì tipico di epoche passate, che imbavagliando il dissenso, dietro minaccia di ripercussioni, finge poi di fondarsi sull'unanime consenso di una astratta "comunità scientifica".

Graziano Ugenti affronta, in chiusura, il tema dal punto di vista dei genitori, destinatari di informazioni contraddittorie, impossibilitati, per i motivi sopra esposti, ad un confronto schietto sul tema con gli operatori sanitari, scavalcati nelle loro prerogative genitoriali.

Si trovano così, di fatto, costretti a privilegiare una astratta "tutela collettiva" al bene del proprio figlio, pena l'emarginazione di quest'ultimo.

Ugenti evidenzia inoltre che pendono in fase di indagini preliminari alcuni procedimenti penali per commercializzazione di farmaci non conformi ed il principio di precauzione imporrebbe di attendere gli esiti di queste indagini prima di costringere la popolazione, specialmente quella pediatrica, ad assumerli.


La Presidente Passaseo, in chiusura, precisa che il Coordinamento non aderisce ad alcuna corrente favorevole o contraria alle vaccinazioni ma si batte unicamente per la tutela del minore e per l'attuazione della Convenzione ONU sui Diritti del Fanciullo che vieta la discriminazione di un bambino per qualunque ragione, ivi comprese le scelte sanitarie dei genitori.


 https://ciatdmcoordinamento.altervista.org/





Pedofilia e Dintorni di Aurelia Passaseo




Pedofilia e Dintorni


Ormai si parla sempre di più di pedofilia, non passa giorno che le cronache dei giornali ci raccontano storie di abusi o di pedofilia in danno di minori. 
Abusi che, vengono perpetrati in danno di minori all’interno ed esterno della famiglia, abusi che avvengono nella rete internet dove sedicenti pedofili fingendosi anch’essi bambini adescano i nostri figli tramite le chat che i nostri figli utilizzano spesso per comunicare tra loro e dove si nascondono le insidie e pericoli più dannosi all’armonico sviluppo psicofisico dei nostri ragazzi che sanno utilizzare la rete meglio di noi adulti diventando, così, facili prede di pedofili senza scrupoli entrano in contatto con loro riuscendo il più delle volte a carpire i loro dati, per, poter avere poi, anche attraverso lusinghe di regali, veri e propri appuntamenti ed incontri fisici al fine di poter perpetrare, (con la scusa di un’ideologia sbagliata, distorta di amore e bene verso i bambini ) su di loro violenza per soddisfare le loro perversioni erotiche, oppure per poter attraverso lo scatto di immagini alimentare il mercato della pedopornografia per altre persone pedofile smaniose ed alla ricerca di emozioni sempre più forti che possano soddisfare le proprie e vergognose bramosie sempre in virtù di quell’amore perverso che dicono di sentire per i bambini.

Probabilmente leggendo questo articolo rabbrividirete o forse no, per le parole forti da me usate, ma le uso apposta perché voglio scuotere le vostre coscienze, perché la pedofilia e l’abuso sui minori sono crimini orrendi perpetrati in danno di minori che il solo parlarne debbono scuotere in ognuno di noi la nostra coscienza e farci rabbrividire, anche se a mio avviso non basta rabbrividire al momento od il pietismo che spesso ci pervade nell’apprendere la notizia, occorre impegnarci in una lotta e battaglia comune perché questi orrendi crimini non accadano più e perché chi li compie venga messo in condizione di non nuocere, primo fra tutti scontando per intero tutta la pena che gli viene inflitta senza che gli vengano concessi sconti di pena, o i benefici del rito abbreviato, del patteggiamento, della buona condotta in carcere, dell’indulto o scarcerazione per decorrenza dei termini così come successo giorni fa con il pedofilo di Agrigento che, già condannato perché aveva abusato di tre bambini, era libero di poter circolare tranquillamente e quindi di poter reiterare il reato, oppure come è successo al maestro di musica di una scuola media di Aosta che in via cautelativa era stato sospeso dall’insegnamento perché indagato prima, poi processato e condannato in primo grado perché sorpreso a scaricare e condividere con altri pedofili immagini pedopornografiche dal pc dell’istituto scolastico dove insegnava, oggi è tornato al posto di lavoro perchè dalla sezione lavoro del tribunale di Aosta è stato reintegrato nel suo ruolo di insegnante ed è tornato ad insegnare nella stessa scuola ed agli stessi alunni di prima. Certo con questo, non voglio e nemmeno intendo mettere sotto accusa la famiglia, o demonizzare la rete internet, ma bensì mi piacerebbe e mi mi piace mettere in evidenza alcuni aspetti della pedofilia, senza che vi sia censura o distorsione del problema. 

Tenendo ben presente che l’abuso sessuale perpetrato in danno dei minori a mio avviso è un crimine contro l’umanità e come tale deve essere considerato dalle Istituzioni, e da tutti noi anche se in nessun ordinamento giuridico penale del nostro Paese è previsto, occorre a mio avviso far chiarezza anche sul termine che viene usato della parola pedofilia, senza comunque diminuirne la gravità specie se l’abuso è perpetrato e consumato all’interno della famiglia, perché proprio in questo caso io credo sia opportuno fare chiarezza sgombrando il campo da ogni dubbio cominciando a chiamare e collocare l’abuso sessuale su minore all’interno della cerchia famigliare un vero atto di incesto, e quindi chiamandolo con il suo vero nome “ INCESTO”, perché anche nel nostro ordinamento penale si chiama e si definisce così qualsiasi atto sessuale che avviene tra consanguinei. 
So, e tutti noi lo sappiamo che usare la parola incesto oggi, ancora spaventa, così come spaventava anni fa la parola pedofilia, ma è giunto il momento di dare la giusta collocazione delle parole e dei termini, per evitare di ingenerare confusioni, e per chiarezza dei fatti. Quindi l’abuso sessuale che avviene all’interno della cerchia famigliare a mio avviso si chiama incesto con l’aggravante della violenza, costrizione e coercizione del minore, mentre l’atto di abuso sessuale e tutti gli altri atti quali attenzioni particolari ed altro più o meno gravi compiuti da soggetti esterni alla cerchia famigliare si chiamano e debbono essere chiamati pedofilia perché compiuti da soggetti esterni anche se alle volte sono sempre soggetti che ben conoscono la cerchia famigliare. Detto questo ora intendo parlare anche di un altro tipo di pedofilia, e cioè quello legato alla rete internet e che con l’avvento di essa è esplosa con tutta la sua crudezza. 

Premesso che la rete internet non può e non deve essere demonizzata perché comunque molto importante per quello che è oggi la nostra società, perché ci permette in tempo reale di comunicare con tutto il mondo, tuttavia però la rete internet ha permesso il prolificarsi di bande criminali, che mercificando, sfruttando usando i nostri bambini sono riuscite e riescono a trarne dei profitti, infatti queste bande criminali hanno inteso bene sfruttare la rete per i loro sporchi profitti commercializzando materiale pedopornografico alimentando così di fatto il mercato della pedopornografia del sesso libero di adulti con minori, creando ad hoc immagini violente di abusi e atti sessuali prodotte mediante l’utilizzo, lo sfruttamento e la mercificazione di bambini e bambine. 

Fotografie e film, che hanno fatto esplodere con tutta la loro crudezza il mercato che attraverso la rete internet il problema della pedofilia, perché destinate a soggetti pedofili, che sempre attraverso la rete comperano, scambiano e divulgano queste immagini, fotografie e film sempre più forti e crude, perché più sono forte e più sono crude provocano quella propulsione e istinto violento di soddisfazione e piacere per il pedofilo che è sempre alla ricerca di propulsioni nuove per stimolare i propri istinti. Tutto ciò fa nascere del pericolo per i nostri figli che, se lasciati soli davanti al pc, magari senza protezione possono entrare a loro volta finire di essere adescati da pedofili che proprio attraverso la rete cercano linfa nuova per far di loro il proprio piacere sessuale. 

Il pedofilo si manifesta attraverso la rete al bambino, fingendo di essere anch’esso bambino, instaura con lui un rapporto prima virtuale, e poi quando si sente sicuro carpisce al bambino i propri dati quali, dove abiti, quale scuola frequenti sino a chiederle un vero e proprio incontro. Spesso capita che il pedofilo chieda al bambino delle fotografie, dialoghi con lui di sesso non esplicitamente ma spiegando che non vi è nulla di grave e male se a lui piace fare certe cose con persone più grandi di lui, ma che se fa certe cose con persone più grandi lui non lo deve raccontare a nessuno perché altrimenti i suoi genitori o i cosiddetti esperti lo mandano in terapia, e lui essendo una persona più grande finisce in carcere. 

Il pedofilo, non solo con il bambino che adesca attraverso la rete e non usa la tattica del silenzio, ma usa anche la tattica di complicità, lo rende complice con il silenzio, o con regali a sottostare a propri ricatti. Cosa avviene quando un bambino è vittima di un pedofilo, il bambino si sente sporco, e mette in essere atteggiamenti strani che a un occhio attento di un genitore non possono sfuggire quali : lavarsi spesso, svogliatezza e scarso impegno a scuola e a svolgere ciò che ha sempre fatto, mancanza di un riposo sereno ed altro. 

Ci sarebbero tante cose da dire sulla pedofilia perché ormai è cronaca in negativo di tutti i giorni, ma permettetemi di dire qualcosa su come salvaguardare i nostri ragazzi dai pericoli e dai tranelli della rete e non, ma una cosa la voglio dire e cioè che ci sono sistemi per tutelare i bambini che navigano, ed uno su tutti è la navigazione differenziata, e cioè password diverse tra adulto e minore che permettono sin dalla prima connessione la distinzione tra adulto e minore, dando così la possibilità di capire se a richiedere la connessione è un adulto o un minore, e così facendo si tutelerà il minore fruitore della rete dal rischio di brutti incontri. 

Da ultimo voglio anche dire che per fortuna la nostra legislazione è all’avanguardia per la lotta a questo crimine, certo non è perfetta ma perfettibile, in questo campo vi è ancora molto da fare, molto è stato fatto ma bisogna fare uno sforzo in più per tutelare e proteggere i nostri figli, la società, lo stato, le istituzioni debbono fare ancora molto, ma ricordatevi che la prima tutela la dovete fare voi genitori, ascoltando e dialogando molto di più con i vostri figli perché i primi veri vigili dei vostri figli siete voi.

Aurelia Passaseo Presidente Ciatdm-Onlus

Articolo pubblicato anche su Almaghrebiya

 https://ciatdmcoordinamento.altervista.org/